Ultima modifica: 14 September 2017
Ultima modifica: 14 September 2017

Alla ricerca delle orme di Omero Lo studio degli studenti sondriesi

Tradurre dal latino, dal greco e dall’inglese sulle tracce di Omero per «sperimentare un lavoro con metodo rigoroso».
Questo l’obiettivo, così come spiegato dalla dirigente Maria Grazia Carnazzola, di “Omero nel Baltico”,  progetto europeo triennale che ha visto impegnate tre classi del liceo classico Piazzi – la IV A del ginnasio, le prime A e B – prendendo spunto dal libro di Felice Vinci “Omero nel Baltico. Le origini nordiche dell’Iliade e dell’Odissea”. E verificare se gli eventi narrati nell’Iliade e nell’Odissea si siano svolti nel Mar Mediterraneo orientale, come si è sempre creduto, oppre nell’Europa Settentrionale come sostiene Vinci.

Il progetto sarà condiviso da studenti oltre confine, con ogni probabilità in Estonia e in Russia: «Non ci saranno scuole partner in Danimarca – ha spiegato Carnazzola -, in quanto lì non si pratica più l’insegnamento del greco». Invece pare essere «molto interessata a questo lavoro – ha assicurato l’ingegnere Vinci – l’ambasciata estone, che sta cercando un liceo, che possa cooperare con il Piazzi-Perpenti, nella città di Tallin».

Dalla “Provincia di Sondrio”